vai al contenuto vai al footer

Santuario di San Paolo ad Aurigo

Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
- Aurigo
Il santuario Il santuario
Il santuario Il santuario
Un particolare Un particolare

Il Santuario di San Paolo sorge presso il cimitero, in posizione isolata e panoramica sul paese. Il sagrato è recintato da capitelli e rocchi di colonne in pietra nera, resti dell'edificio primitivo anteriore al XVI secolo. Dell'antica chiesa si conservano la cupola ottagonale impostata sull'abside quadrangolare e la balaustra dell'altare maggiore in pietra nera, scolpita con quattro figure di santi.

L'odierna chiesa è frutto di un rifacimento della fine del Cinquecento con successivi rimaneggiamenti seicenteschi. Il Santuario ha subito un'ulteriore trasformazione tra il 1719 e il 1730 perdendo le forme romaniche per assumere quelle barocche con la realizzazione di un'unica navata e l'aggiunta del portico. Il Santuario, uno dei rarissimi esempi di architettura rinascimentale del Ponente ligure, conserva al suo interno, dietro all'altare maggiore, il polittico con San Paolo assiso al centro affiancato da Pietro e Andrea; al di sopra Giovanni, un altro santo, Santa Caterina e Sant'Apollonia e, nella lunetta sovrastante, il Padre Eterno. Il polittico risale al 1569, data che viene due volte ripetuta nei libri che i santi tengono in mano. 

Santuario di San Paolo ad Aurigo
Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
Aurigo

Il Santuario di San Paolo sorge presso il cimitero, in posizione isolata e panoramica sul paese. Il sagrato è recintato da capitelli e rocchi di colonne in pietra nera, resti dell'edificio primitivo anteriore al XVI secolo. Dell'antica chiesa si conservano la cupola ottagonale impostata sull'abside quadrangolare e la balaustra dell'altare maggiore in pietra nera, scolpita con quattro figure di santi.

L'odierna chiesa è frutto di un rifacimento della fine del Cinquecento con successivi rimaneggiamenti seicenteschi. Il Santuario ha subito un'ulteriore trasformazione tra il 1719 e il 1730 perdendo le forme romaniche per assumere quelle barocche con la realizzazione di un'unica navata e l'aggiunta del portico. Il Santuario, uno dei rarissimi esempi di architettura rinascimentale del Ponente ligure, conserva al suo interno, dietro all'altare maggiore, il polittico con San Paolo assiso al centro affiancato da Pietro e Andrea; al di sopra Giovanni, un altro santo, Santa Caterina e Sant'Apollonia e, nella lunetta sovrastante, il Padre Eterno. Il polittico risale al 1569, data che viene due volte ripetuta nei libri che i santi tengono in mano.