vai al contenuto vai al footer

Oratorio di San Sebastiano di Rossiglione Inferiore

Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
- Rossiglione
L'oratorio L'oratorio

Il culto di San Sebastiano, martire paleocristiano, è molto diffuso in Liguria e la sua fortuna è dovuta principalmente al fatto di essere legato alla protezione degli appestati. È dunque probabile che l'edificio dedicato al Santo sia sorto anche a Rossiglione per scongiurare le pestilenze che minacciavano costantemente la popolazione.

Non si conosce la data della sua edificazione ma il documento più antico risale al 1585, redatto in occasione di una visita apostolica. L'edificio come lo vediamo noi oggi è frutto degli interventi del 1910 che hanno arricchito con decorazioni e fregi la semplice facciata a capanna originale. Come gli altri enti religiosi l'oratorio di San Sebastiano è stato chiuso per volere di Napoleone nel 1797 e poi ripristinato con la sua caduta.

All'interno sono ancora custoditi: una statua lignea raffigurante il Martirio di San Sebastiano di autore ignoto del XVIII secolo, un resto di reliquiario in marmo databile al secolo XVII, due crocefissi processionali e alcuni quadri e croci astile ascrivibili al XIX secolo.

Oratorio di San Sebastiano di Rossiglione Inferiore
Tipologia: Architetture/Edifici religiosi
Rossiglione

Il culto di San Sebastiano, martire paleocristiano, è molto diffuso in Liguria e la sua fortuna è dovuta principalmente al fatto di essere legato alla protezione degli appestati. È dunque probabile che l'edificio dedicato al Santo sia sorto anche a Rossiglione per scongiurare le pestilenze che minacciavano costantemente la popolazione.

Non si conosce la data della sua edificazione ma il documento più antico risale al 1585, redatto in occasione di una visita apostolica. L'edificio come lo vediamo noi oggi è frutto degli interventi del 1910 che hanno arricchito con decorazioni e fregi la semplice facciata a capanna originale. Come gli altri enti religiosi l'oratorio di San Sebastiano è stato chiuso per volere di Napoleone nel 1797 e poi ripristinato con la sua caduta.

All'interno sono ancora custoditi: una statua lignea raffigurante il Martirio di San Sebastiano di autore ignoto del XVIII secolo, un resto di reliquiario in marmo databile al secolo XVII, due crocefissi processionali e alcuni quadri e croci astile ascrivibili al XIX secolo.