vai al contenuto vai al footer

Elliott Erwitt Kolor

Prorogata fino al 3 settembre 2017
Genova, Palazzo Ducale
Palazzo Ducale dedica una mostra con 135 scatti inediti selezionati personalmente dal fotografo Elliott Erwitt, “Elliott Erwitt Kolor. Dall’11 febbraio al 3 settembre 2017
Elliott Erwitt Kolor

Dall’11 febbraio al 3 settembre 2017 il sottoporticato di Palazzo Ducale ospita la mostra “Elliott Erwitt Kolor”, che sarà aperta al pubblico dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 19.00. Per la prima volta, le immagini a colori realizzate del celebre fotografo Elliott Erwitt saranno esposte al pubblico. Infatti, mentre i suoi lavori in bianco e nero sono già stati protagonisti di alcune mostre in passato, la sua produzione a colori è del tutto inedita.

In mostra 135 scatti, selezionati personalmente da Elliott Erwitt. Le opere esposte provengono dai progetti "Kolor", il grande volume retrospettivo che ripercorre la sua produzione a colori, e "The Art of Andrè S. Solidor", una parodia del mondo dell’arte contemporanea con i suoi controsensi e le sue assurdità. In “Kolor”, nel quale si ritrova il linguaggio tipico di Erwitt, si possono ammirare ritratti di personaggi famosi e immagini ironiche, talvolta irriverenti, realizzate con vecchi negativi Kodak. In "The Art of Andrè S. Solidor" Erwitt crea un suo vero e proprio alter ego, con tanto di autoritratti raccolti in una produzione digitale. In questo lavoro, che ama il digitale e il photoshop, ironia, metafora e puro divertimento surreale invitano a riflettere sui meccanismi e sulle assurdità dell’arte contemporanea e del suo mercato.

Le celebrità fotografate da Elliott Erwitt sono tante, tra cui Marilyn Monroe, Fidel Castro, Che Guevara, Sophia Loren, Arnold Schwarzenegger.

A conclusione della mostra, i visitatori potranno guardare due filmati sulla carriera di Erwitt e una video-collezione di alcune delle sue più significative fotografie in bianco e nero.

La mostra è curata da Biba Giacchetti, con il progetto grafico e di allestimento di Fabrizio Confalonieri.

Per maggiori informazioni: www.palazzoducale.genova.it