vai al contenuto vai al footer

Il tesoro della saggezza dei Quattro Tantra

Prorogata al 26 febbraio 2017
Genova, Castello D'Albertis
“L’arte della conoscenza e la ricerca spirituale nella tradizione tibetana”. Sculture, dipinti, testi e strumenti musicali della cultura buddhista e della medicina tibetana. Previsti incontri e stage.
Mostra Quattro Tantra

Fino al 26 febbraio 2017 al Castello D’Albertis di Genova, Museo delle culture del mondo, la mostra dal titolo Il tesoro della saggezza dei Quattro Tantra”.

Il titolo si ispira al testo più importante della tradizione buddhista, conosciuto come “Tantra delle istruzioni segrete sugli otto rami dell’essenza dell’elisir dell’immortalità”; questo testo nasce nel XVII secolo e raccoglie e rende unitaria la conoscenza della scienza medica tibetana: fondata su un sistema filosofico e cosmologico molto complesso, essa ha come centro l’equilibrio fra mente, corpo e spirito, le malattie sono quindi vari “tipi” di squilibrio di queste sinergie fra la persona e il mondo esterno con la quale è in relazione costante.

A cura del CELSO – Istituto di studi orientali - Dipartimento di studi asiatici, la mostra si snoda in un percorso diviso in quattro sezioni tese a raccontare, tramite l’eterogeneità degli oggetti esposti, la cultura buddhista e le pratiche di cura del corpo tibetane. 

Partendo dalle “basi” del buddhismo con la definizione degli insegnamenti e dei termini, si passa all’esplicitazione della pratica spirituale: dai mandala alla musica rituale passando per le danze cerimoniali e la recitazione dei mantra, fino alla calligrafia. La terza sezione del percorso si intitola “La visione del corpo e la scienza della salute” ed entra nel vivo della mostra: grazie a tavole, dipinti e illustrazioni vi si descrive la simbologia del mondo e del corso e della interrelazione con l’ambiente e le emozioni, uno dei concetti fondamentali della medicina tradizionale tibetana.  A conclusione della visita saranno i simboli a fare da padroni: l’ultima parte è dedicata all’affascinante e complessa iconografia della cultura tibetana.

Durante il periodo della mostra è previsto un fitto calendario integrativo di conferenze, incontri, seminari, eventi e stage, organizzati dal CELSO in collaborazione con Università, Enti e Istituzioni Culturali.

L’inaugurazione è stata venerdì 21 ottobre, un omaggio simbolico, concomitante alla visita del Dalai Lama in Italia, proprio nel giorno dedicato alla riflessione sugli insegnamenti spirituali e al dialogo fra le culture e le religioni.
La chiusure della mostra è stata prorogata al 26 febbraio 2017.

Per maggiori informazioni: www.celso.org