vai al contenuto vai al footer

Ferdinando Maria Perrone e i destini dell'Ansaldo

Dal 23 gennaio al 21 febbraio 2016
Sala Liguria (Palazzo Ducale) – Genova
Una mostra e quattro incontri su Ferdinando Maria Perrone, uno dei protagonisti della storia industriale italiana del secondo Ottocento. Le vicende della sua vita si intrecciano con quelle del Paese: fotografie, documenti originali e cimeli restituiscono il sapore di un’epoca
Ferdinando Maria Perrone e i destini dell'Ansaldo

Imprenditore e rappresentante dell’Ansaldo di Genova alla fine dell’Ottocento, Ferdinando Maria Perrone entra nella società nel 1902, diventandone unico proprietario due anni dopo. Siderurgia e armamenti sono i principali campi di attività dell’azienda genovese nel primo Novecento, con un capitale sociale in forte crescita e una grande espansione territoriale. A cavallo tra i due secoli l'Ansaldo riveste un ruolo centrale nel processo dell’industrializzazione italiana e Perrone, di questo processo, è uno dei protagonisti.

Fotografie, documenti originali e cimeli, provenienti dal Fondo Perrone conservato presso la Fondazione Ansaldo, restituiscono il sapore dell’epoca in una mostra allestita a Palazzo Ducale in Sala Liguria e raccontano la vita dell’imprenditore che si intreccia con le vicende industriali di quegli anni.

Completano la mostra una serie di incontri, in programma il 22 e 29 gennaio e il 5 e 12 febbraio, con grandi storici che approfondiscono il contesto industriale e sociale dell'epoca e di queste vicende raccontano aneddoti e curiosità.

L’esposizione è visitabile dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 19, il sabato e la domenica dalle 11 alle 18. L’ingresso è libero