vai al contenuto vai al footer

Premio Bindi 2015

Da venerdì 3 a domenica 5 luglio 2015
Santa Margherita Ligure
All'insegna del Rap quest’anno l’undicesima edizione del premio Bindi. La rassegna è dedicata alla musica d’autore porta a Santa Margherita Ligure le migliori voci giovani. in progamma un tributo ai grandi cantautori del passato
premio Bindi

Da  venerdì 3  a  domenica 5 luglio 2015 nei giardini a mare Santa Margherita Ligure si terrà l’undicesima edizione del Premio Bindi, il festival musicale dedicato alla musica d’autore emergente.
Promosso dal Comune di Santa Margherita Ligure con il patrocinio di Regione Liguria e, quest’anno, di Expò Milano 2015, il festival è diretto da Enrica Corsi e porta ogni anno nel Tigullio i migliori artisti emergenti nel panorama italiano.

Questa edizione sarà dedicata al Rap, un genere spesso scomodo, fuori dai soliti canoni, ma che proprio per questo ha saputo esprimere il disagio e la creatività dei giovani che vi si sono dedicati, acquistando negli ultimi tempi dignità e credibilità anche presso la critica.
Presentatori delle serate saranno Antonio Silva, lo storico anchorman del Club Tenco e Roberta Balzotti, giornalista RAI.

Proprio al rap sarà dedicata la prima serata venerdì 3 luglio, “Premio Bindi plays in the city”. Gli organizzatori hanno invitato Federico Sacchi, divulgatore e critico musicale piemontese, autore e interprete del ciclo Soulful Songwriters, che con il suo spettacolo “Hidden Roots”, racconta la storia del progenitore dell’Hip Hop, Gil Scott-Heron.

In conclusione, una performance speciale di Mike from Campo, rapper di Campomorone che sta  spopolando in rete.

La seconda giornata della manifestazione sarà il Premio Bindi vero e proprio. Sabato 4 luglio saranno protagonisti assoluti gli otto finalisti che, sottoposti al giudizio della giuria, composta da personaggi ed esperti del mondo della musica d’autore, dovranno dare il meglio di sé già nel pomeriggio, esibendosi in acustico sul palco dei Giardini a mare con due brani del proprio repertorio. In serata la gara si sposterà sul palco principale dell’Anfiteatro Bindi, dove verranno eseguite le canzoni finaliste e una interpretazione di un brano famoso come tributo ad un cantautore del passato.
Caratteristica peculiare del Premio Bindi è la modalità di giudizio: infatti i giurati esprimono il loro voto definitivo basandosi sull’ascolto di ben quattro brani di ciascun concorrente: in questo modo il riconoscimento viene assegnato all’artista che “convince” di più globalmente e non solo alla miglior canzone in concorso. Oltre alla targa di riconoscimento del Premio Bindi, il primo classificato riceverà la Targa AFI, l'Associazione Fonografici Italiani, che dal 2013 collabora con il Premio. Inoltre quest’anno il vincitore avrà la possibilità di partecipare gratuitamente ad una master-class per cantautori presso AKAMU, la neonata Accademia dello Spettacolo e Casa della Musica della Università di Asti.

Ospite d’onore e padrino dei finalisti sarà un cantautore giovane ma già apprezzato: Renzo Rubino, rivelazione tra i Giovani al Festival di Sanremo 2013, dove ha ottenuto il Premio della Critica intitolato a Mia Martini.

Domenica 5 luglio, sul palco dei Giardini a mare si terranno esibizioni e presentazioni di libri sulla musica pubblicati recentemente a cura di Enrico Deregibus, consulente artistico del Premio.

Il Premio Bindi 2015 si chiuderà con un progetto speciale, “Gli amici se ne vanno”, nato da un’idea del giornalista musicale Massimo Cotto e ispirato ad una delle più belle canzoni di Umberto Bindi “La musica è finita”. Si ricorderanno i grandi cantautori scomparsi, da Gaber a Ciampi, da Tenco a De André e altri che hanno lasciato ai giovani un immenso patrimonio artistico  A loro il Premio Bindi dedica un omaggio affidato alle interpretazioni dei loro brani da parte dei vincitori delle scorse edizioni del Premio come Zibba e Federico Sirianni.

Programma e informazioni: www.premiobindi.com