vai al contenuto vai al footer

Rolli Days 2015

Dal 30 maggio al 2 giugno 2015
Palazzi, ville e giardini di Genova
Tornano le aperture straordinarie dei grandi palazzi nobiliari genovesi, patrimonio dell’Umanità Unesco. Quattro giorni alla scoperta del centro storico e del sistema dei Rolli: al centro di questa edizione i giardini storici e le ville di campagna
Via Garibaldi

Quattro giorni di apertura straordinaria dei palazzi dei Rolli, riconosciuti dall'Unesco Patrimonio dell'Umanità. Dal 30 maggio al 2 giugno un'occasione per ammirare queste magnifiche dimore, edificate tra Cinquecento e Seicento, espressione della grande potenza della Superba.

Oltre alla bellezza architettonica, i Rolli rappresentano un sistema unico al mondo: una sorta di Reggia Repubblicana. I proprietari dei palazzi, appartenenti alle più importanti famiglie genovesi e liguri, erano infatti tenuti ad aprire le proprie porte a sovrani, cardinali e ambasciatori in visita di Stato.

Per l'occasione saranno aperti 26 palazzi, oltre a una serie di ville nobiliari, affacciate sul mare e realizzate ai margini della città, all'imbocco delle riviere e utilizzate come ville di campagna. Le residenze del Ponente saranno visitabili il 30 e 31 maggio, quelle del Levante i primi due giorni di giugno, mentre Villa del Principe resterà aperta tutti i quattro giorni della manifestazione. Inoltre sarà aperto per la prima volta Palazzo Giacomo Lomellini (Patrone), situato in Largo Zecca. Al suo interno è visibile il ciclo di affreschi di Domenico Fiasella che illustra le "Storie di Ester".

Il centro pulsante di questo complesso è la magnifica Strada Nuova, oggi via Garibaldi, via Aurea di Genova: qui, ai margini del centro storico, si annidano le residenze più prestigiose e spettacolari, da Palazzo Bianco a Palazzo Rosso, fino a Tursi, sede del Comune.

Questa edizione della manifestazione pone al centro la valorizzazione dei giardini storici che sorgono alle spalle dei palazzi, a ridosso della collina di Castelletto. Si tratta in particolare della cerniera di collegamento fra Palazzo Bianco e Palazzo Tursi - il nuovo passaggio coperto che completa le comunicazioni all'interno di questa parte del sistema museale genovese - e la sistemazione del giardino superiore di Palazzo Bianco con la realizzazione di un percorso attraverso il verde a monte di via Garibaldi.

Come sempre, durante la visita, sarà possibile ricevere informazioni storico artistiche da parte di studenti universitari e volontari; particolarmente importante la collaborazione con l’Università degli Studi di Genova che quest'anno apre al pubblico quattro dei suoi Palazzi: Palazzo Antoniotto Cattaneo (Palazzo De Ferrari Chiavari Belimbau), Palazzo Gio Francesco Balbi, Palazzo Giacomo e Pantaleo Balbi e Palazzo Balbi.

Informazioni

E' previsto un servizio di bus navetta per raggiungere le ville di campagna.
Sono in programma inoltre visite guidate condotte da guide turistiche professioniste

Note

Informazioni dettagliate sul programma su www.visitgenoa.it