vai al contenuto vai al footer

Ospiti in bella mostra

Dal 15 marzo al 14 giugno 2015
GAM - Musei di Nervi (GE)
Sei capolavori del MAR, Museo d’arte di Ravenna, alla GAM di Nervi. Si va da uno splendido nudo di Klimt al paesaggio ottocentesco di Bassi, valicando fino al simbolismo di Baccarini e a dipinti di pieno Novecento di Salietti
Alberto Salietti

Fino al 14 giugno la GAM di Nervi ospita sei opere del MAR, Museo d’arte di Ravenna. Tra queste spicca un magnifico nudo femminile di Gustav Klimt, che proprio nella città romagnola ammirò gli splendidi mosaici tardo antichi di fattura bizantina. Nel tratto grafico di grande sensualità, a carboncino e matita, senza colore, di grande semplicità e impatto, traspare tutta la fascinazione del grande autore viennese per la figura femminile.

Oltre a Klimt, il percorso legato alle opere ospiti prosegue nelle sale dedicate all’Ottocento, nella sezione sul paesaggio: in questo contesto trova spazio La roccia di Giovan Battista Bassi, posizionato accanto a un altro panorama, opera del patriota e politico - nonché, ovviamente, pittore - Massimo d’Azeglio.

Seguendo questa impostazione del confronto-dialogo tra dipinti, passando alla sezione dedicata al simbolismo, si trovano un ritratto a carboncino e una scultura in terracotta di Domenico Baccarini: entrambe rappresentano Bitta, al secolo Elisabetta Santolini, modella, amante dell’artista e madre di sua figlia.

Proseguendo e affacciandosi al pieno Novecento, e seguendo il filo del dialogo, si passa ai lavori di Alberto Salietti: si tratta di Anziana signora del 1934, ritratto della madre, e di una Veduta di Chiavari, posizionata accanto ad un’altra prospettiva della cittadina rivierasca.

La GAM di Nervi collabora alla mostra Il Bel Paese. L’Italia dal Risorgimento alla Grande Guerra, dai macchiaioli ai futuristi, allestita a Ravenna, con il prestito di sette opere.

Informazioni

La mostra è aperta, fino al 31 marzo, dal martedì alla domenica dalle 11 alle 17, mentre dal 1° aprile gli orari sono: dal martedì al venerdì dalle 11 alle 18, sabato e domenica dalle 12 alle 19. Ingresso a 6 euro, ridotto 5 euro.