vai al contenuto vai al footer

VI Festival dell'Antico Acquedotto

Dal 2 giugno al 30 luglio 2014
Genova e Provincia
Spettacoli teatrali, incontri e itinerari fra città e campagna, attorno ai resti del vecchio acquedotto. Un festival che permette una profonda integrazione fra teatro e territorio. A Genova fino a mercoledì 30 luglio
Il logo della manifestazione

Anche quest'estate Genova riscopre una delle sue zone meno conosciute, ma che ogni anno, proprio in questo periodo, si fa parte attiva della proposta culturale e turistica della città, ospitando spettacoli teatrali, incontri, dibattiti e passeggiate lungo itinerari di valore storico urbanistico fra città e campagna, attorno ai resti del vecchio acquedotto.

E' il Festival Teatrale dell'Antico Acquedotto e delle Antiche Vie, ideato e diretto dal Teatro dell'Ortica con la direzione artistica di Mirco Bonomi e Mauro Pirovano. La sesta edizione del Festival anima le serate estive fino a mercoledì 30 luglio, con una coda ad agosto per ospitare un gruppo di giovani provenienti dalla Linguadoca francese, nell'ambito di un progetto Erasmus di interscambio con coetanei residenti a Genova. I due gruppi si confrontano su tematiche legate al recupero ambientale e ai diritti di cittadinanza e danno vita anche a una performance teatrale.

Grande novità di quest'anno l'estensione della programmazione dalla sola area cittadina alla provincia, con il coinvolgimento dei Comuni di Ronco Scrivia, Campomorone e Savignone e l'ambizioso obiettivo di arrivare nel 2015 a coinvolgere l'intero territorio regionale.
Questo cambiamento permette quindi l'esplorazione di tutte le "vie" che hanno segnato la storia della nostra regione: oltre alla via dell'acqua anche quelle della carta, della seta, del sale, dell'ardesia, dell'argento e della calce.

Un cartellone ricco di appuntamenti anche quest'anno: quattro stondaiate, gli eventi a base di musica, aneddoti e canzoni, che hanno come scenario luoghi caratteristici lungo il percorso dell'antico acquedotto, presentazioni di nuove uscite editoriali, conferenze che permettono di conoscere meglio le antiche vie, la proiezione di Bansigu , il cortometraggio su sport e disabilità realizzato dal Gruppo Stranità con la regia di Giancarlo Mariottini, e, soprattutto, una ricca programmazione teatrale che riflette le due anime del Teatro dell'Ortica: da una parte quella impegnata su tematiche sociali e civili, dall'altra quella comica che ricalca la grande tradizione della commedia.

Informazioni
Tutte le iniziative del Festival sono gratuite.
Note
Per conoscere il programma completo visitare il sito del Teatro dell'Ortica.