vai al contenuto vai al footer

Bartolomeo Cavarozzi a Genova

Dal 6 dicembre 2017 all’8 aprile 2018
Galleria Nazionale di Palazzo Spinola, Genova
Le opere di Bartolomeo Cavarozzi in mostra alla Galleria Nazionale di Palazzo Spinola a Genova. Dal 6 dicembre 2017 all’8 aprile 2018
Bartolomeo Cavarozzi a Genova

Inaugura martedì 5 novembre alle 17 alla Galleria Nazionale di Palazzo Spinola di Genova la mostra “Bartolomeo Cavarozzi a Genova”, che resterà aperta fino all' 8 aprile 2018.

L’esposizione raccoglie le opere dell’artista Bartolomeo Cavarozzi, che per qualche mese aveva soggiornato nel capoluogo ligure in seguito a un imprevisto durante un viaggio da Roma alla Spagna. Le Tre Sacre Famiglie, dipinte da Cavarozzi intorno al 1620, vengono raccolte a confronto per la prima volta in questa mostra.

Originario di Viterbo, Bartolomeo Cavarozzi nasce nel 1587 e inizia a dipingere molto giovane, trasferendosi a Roma prima di compiere vent’anni, dove stringe amicizia con il pittore e nobile Giovan Battista Crescenzi, con il quale parte per la Spagna nel 1617. Bartolomeo Cavarozzi raggiunge la maturità artistica nel segno del caravaggismo e alcuni anni dopo ritorna a Roma, dove il suo linguaggio artistico si dirige verso nuovi esiti, a cavallo tra classicismo e arte fiamminga. Muore a Roma nel 1625, viene sepolto nella chiesa di Santa Maria del Popolo, dove Caravaggio aveva dipinto le sue prime opere pubbliche.

L'esposizione è accompagnata da un catalogo curato da Gianluca Zanelli con alcuni interventi, tra cui il saggio introduttivo di Marieke von Bernstorff che racconta del viaggio di Cavarozzi verso la Spagna e della tappa genovese e il contributo di Daniele Sanguineti con il quadro dei rapporti tra Bartolomeo Cavarozzi e Genova, dove vengono presentati gli estremi cronologici del suo soggiorno e i riflessi della sua opera sugli artisti locali.

Dopo l’inaugurazione, la mostra sarà aperta tutti i giorni dal martedì al venerdì dalle 8.30 alle 19.30 e la domenica e i festivi dalle 13.30 alle 19.30.

Per maggiori informazioni: www.palazzospinola.beniculturali.it