vai al contenuto vai al footer

Teatro Civico di La Spezia

Fino ad aprile 2018
Teatro Civico di La Spezia
Teatro classico, concerti, spettacoli di intrattenimento e una rassegna dedicata ai più piccoli: la programmazione 2017/2018 del Teatro Civico di La Spezia
programmazione 2017/2018 del Teatro Civico di La Spezia

 

Un inizio a suon di applausi e risate con Il Panariello che Verrà: quale è il modo per far tirare su i nasi dai telefonini? Una riflessione tagliente sull’attualità e sul futuro con personaggi inediti (sabato 28 ottobre 2017, ore 21). La comicità prosegue con Cavalli di Razza (e vari puledri), con Maurizio Battista: il racconto di una vita in viaggio, dagli esordi fino all’apice della carriera. Uno show emozionante, divertente e ironico (venerdì 1 dicembre, ore 21). E ancora, tornano con uno spettacolo diverso dal solito Ale e Franz, con Nel Nostro Piccolo: il ricordo di Gaber e Jannacci e il loro pensiero come metafora della vita umana (giovedì 1 marzo 2018, ore 20.45). Comicità tutta al femminile in Sento la Terra Girare, con Teresa Mannino: tecnica e improvvisazione per celebrare la sua Sicilia (venerdì 9 e sabato 10 marzo, ore 21). Infine, va in scena Perfetta con l’imperfetta Geppi Cucciari: un monologo che racconta un mese di vita della donna, letta attraverso le quattro fasi del ciclo femminile (mercoledì 11 aprile, ore 21).

Nella programmazione teatrale del Teatro Civico non possono mancare opera e operetta. Si inizia con la Carmen, opera lirica in quattro atti di Georges Bizet su libretto di Henri Meilhac e Ludovic Halévy ispirato alla novella omonima di Prosper Mérimée (sabato 25 novembre 2017, ore 20,45). Si prosegue con La Boheme, opera in quattro atti con musica di Giacomo Puccini su libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa tratta dal romanzo Scènes de la vie de Bohème di Henry Murger (sabato 24 febbraio 2018, ore 20,45). Infine Gigì, Innamorarsi a Parigi, operetta degli stessi autori di My Fair Lady, premiato con 9 Oscar (domenica 4 febbraio, ore 17).

A La Spezia vanno in scena anche danza e balletto. I primi a ballare sono i protagonisti di Da Tango a Bolero, una serata di emozioni scaturite attraverso il ballo (mercoledì 29 novembre 2017, ore 20,45). Si prosegue, poi, con il classico natalizio Lo Schiaccianoci, con la coreografia di Massimiliano Volpini: una periferia metropolitana al posto della ricca e festosa casa conduce lo spettatore in un sogno (venerdì 22 dicembre, ore 20,45). Infine, Il Lago dei Cigni, balletto in due atti con musiche di Pëtr Il’ič Čajkovskij e coreografia di Mikhail L. Lavrovsky (mercoledì 3 gennaio 2018, ore 20,45).

Quest’anno il Teatro Civico dedica ampio spazio alla prosa. Si incomincia con L’Avaro di Molière, riscritto da Ugo Chiti in un linguaggio forte, a tratti crudo, a volte comico (domenica 3 dicembre 2017, ore 20,45). “Alte fiamme si sprigionano sulla scena, avvolgendo la biblioteca della grande abbazia benedettina e riducendo in cenere il suo millenario sapere”: arriva Il Nome della Rosa, diretto da Leo Muscato (domenica 17 e lunedì 18 dicembre, ore 20,45). E ancora, Mozart, il Sogno di un Clown: Wolfang torna a trovare, dopo molto tempo, Giuseppe Cederna, che decide di portarlo in scena (lunedì 19 febbraio 2018, ore 20,45). Infine, Rosalyn, con la regia di Serena Sinigaglia: l’incontro fra due donne, la cui apparente complicità cela un mistero (giovedì 5 aprile, ore 20,45).

Anche la musica occupa un posto di rilievo nella programmazione del Teatro Civico. Si va da un Omaggio a Lucio Battisti attraverso la voce di Peppe Servillo e le note di cinque grandi musicisti jazz (venerdì 16 febbraio 2018, ore 21) a Sarah-Jane Morris & Antonio Forcone, la celebrazione di un sodalizio artistico fra i virtuosismo di Antonio Forcone e la leggendaria voce di Sara-Jane (martedì 3 aprile, ore 21), passando per Nomadi Dentro, un disco di inediti a coronazione dei 50 anni di attività (martedì 27 febbraio, ore 21).