vai al contenuto vai al footer

La democrazia dopo la democrazia

Dal 2 ottobre al 20 novembre quattro incontri su democrazia e crisi del mondo contemporaneo, con interventi d’eccezione. A Palazzo Ducale arrivano Stefano Rodotà, Maurizio Landini, Anna Canepa ed Elena Cattaneo
Stefano Rodotà

Riflettere sulla democrazia oggi, e sul futuro delle istituzioni ereditate dai Padri costituenti in questo momento di crisi degli stati nazionali e delle forma classiche della partecipazione.  
Il ciclo di incontri La democrazia dopo la democrazia affronta, in quattro eventi di altissimo valore culturale, la riflessione sulle possibilità, gli spazi e le dinamiche percorribili di nuove forma di democrazia, capaci di andare oltre l’attuale svuotamento delle istituzioni e della rappresentanza.

Non mancano momenti di avvicinamento alla Costituzione come punto di partenza per il rilancio di nuove forma di democrazia a partire dai diritti fondamentali e inalienabili come uguaglianza, diritti e lavoro. Un punto di partenza eccezionale per un’Italia  e un’Europa basate su partecipazione piena e attiva.

Si comincia il 2 ottobre con l’intervento di Stefano Rodotà, illustre giurista e accademico, che parla di Crisi e futuro prossimo della democrazia, mentre ilo 23 ottobre è la volta di Maurizio Landini, segretario generale della Fiom, che affronta L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. Il 6 novembre Anna Canepa, magistrato, si concentra su Democrazia e giustizia. Chiude la manifestazione, il 20 novembre, Elena Cattaneo, scienziata e senatrice a vita, con Democrazia e conoscenza.

Il programma completo degli incontri sul sito di Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura