vai al contenuto vai al footer

Altre informazioni sulla storia e le prospettive di SBN, anche dal punto di vista tecnico

Proprio per il fatto che SBN è molto orientato alla produzione e al controllo dei dati, e non solo alla ricerca, gli applicativi fin qui creati per i poli e l'indice utilizzano dei DBMS relazionali (un tempo anche reticolari), anche ora cominciano ad esserci eccezioni tra i software compatibili Indice2; in un primo tempo nei poli furono utilizzate applicazioni funzionanti su mainframe IBM, Unisys o Bull, mentre per l'indice fu utilizzato un applicativo scritto in DB2, su mainframe IBM.

Nel 1995, per diminuire i costi di creazione e gestione dei poli, fu rilasciato un nuovo applicativo, funzionante sotto Unix su computer di classe media, in particolare, gli IBM RISC/6000, e basato su Ingres, che però è stato pochissimo utilizzato per le sue caratteristiche giudicate non molto soddisfacenti. Successivamente, tra il 1998 e il 1999 sono apparsi software di concezione più moderna, sempre funzionanti, dal lato server, sotto Unix, in particolare SBN client/server, sviluppato dall'ICCU, e Sebina Indice, della Data Management di Ravenna (ex Akros), che è un software commerciale modificato per l'uso in SBN.

Attualmente l'assetto dei software SBN è in fase di evoluzione in seguito alla entrata in funzione della seconda versione dell'Indice, detta appunto Indice 2 (si vedano le informazioni tecniche sul sito ufficiale dell'ICCU), avvenuta nel gennaio 2004. L'Indice 2 è stato progettato per permettere l'interazione con l'Indice a qualsiasi software, anche non nativo SBN, che implementi il protocollo SBN-MARC appositamente progettato, che si basa su una semantica Unimarc rappresentata tramite il linguaggio XML. Nel novembre 2006 ci sono state le prime certificazioni di compatibilità per software non nativi SBN: per informazioni aggiornate in merito si rimanda al sito dell'ICCU.

Con l'Indice 2 quindi i poli SBN hanno a disposizione una maggiore varietà di software tra cui scegliere quello da utilizzare, per cui sarà più facile coinvolgere in SBN biblioteche che finora ne erano fuori.

In Liguria sono nati tre poli SBN che utilizzano questi prodotti, il Polo LI2 costituito nel 2006 dai comuni di La Spezia, Millesimo, Vezzano Ligure e Sarzana, il Polo SGE costituito nel 2009 dal Comune e dall'Università  di Genova e il Polo LI3, Polo interprovinciale ligure istituito nel 2012 e comprendente il Sistema Bibliotecario della Provincia di Genova e diverse biblioteche del ponente.